Le fonti di energia rinnovabile per risparmiare sulla bolletta di casa

fonti energia rinnovabile risparmiare bolletta casa

Surriscaldamento globale, innalzamento delle maree, scioglimento dei ghiacciai e altri sconvolgimenti climatici sono chiarissimi segnali d’allarme che ci sta mandando il nostro pianeta che ci invita a ridurre l’inquinamento e trovare soluzioni alternative allo sfruttamento massiccio di materie prime.

Le alternative esistono, anzi, sono sempre esistite: le fonti di energia rinnovabile. Come suggerisce il nome sono per l’appunto fonti che si rinnovano e sempre disponibili, come il sole e il vento, quindi dobbiamo sfruttarle meglio per ridurre l’emissione di CO2 nell’ambiente.

Ecco un elenco completo delle energia rinnovabili a nostra disposizione che possiamo usare anche a livello domestico e che, oltre a ridurre notevolmente l’impatto ambientale, assicurano anche un bel taglio dei costi delle bollette energetiche:

  • solare termico;
  • solare fotovoltaico;
  • pompe di calore ACS;
  • stufe a pellet;
  • climatizzatori ad alta efficienza energetica;
  • eolico;
  • geotermico;
  • illuminazione a LED.

Analizziamo una ad una le caratteristiche di queste energie rinnovabili, così puoi avere un’idea di quale può essere quella più indicata per le tue necessità.

Solare termico

 

C’è una soluzione estremamente “green” che consente di produrre acqua calda e per trovarla basta alzare gli occhi al cielo: il sole. Il sistema solare termico riduce drasticamente le emissioni di anidride carbonica, ossidi di zolfo e altre sostanze inquinanti nell’ambiente catturando l’energia solare che viene accumulata e utilizzata per produrre acqua calda.

Un impianto solare termico è composto da 4 elementi fondamentali per funzionare:

  • un collettore solare;
  • un serbatoio di accumulo;
  • un generatore di integrazione, come una caldaia a condensazione o una pompa di calore;
  • una centralina di controllo.

Gli impianti solari termici possono essere di 3 tipi:

  • ad accumulo diretto;
  • a circolazione naturale (modelli molto diffusi nelle zone dal clima mite);
  • a circolazione forzata (capaci di produrre una quantità maggiore di acqua calda sanitaria e indicati in edifici di grandi dimensioni).

I solari termici assicurano un buon ritorno economico sul medio-lungo periodo, poiché durano in media circa 20 anni.

Solare fotovoltaico

pannelli energia solare termico

Il solare fotovoltaico, così come il solare termico, sfrutta l’energia solare che viene impiegata in questo caso principalmente per produrre energia. Gli impianti fotovoltaici sono composti da pannelli solari che nel corso della giornata accumulano l’energia del sole per poi trasformarla in energia elettrica.

Il fotovoltaico, nato inizialmente per produrre energia in industrie, magazzini o comunque grandi ambienti, ormai è stato ampiamente sdoganato anche a livello domestico grazie alla riduzione dei costi e alle tecnologie sempre più accessibili.

I sistemi fotovoltaici vengono montati direttamente sui tetti delle case e delle aziende, oppure su terreni poco fertili che altrimenti resterebbero inutilizzati. Tra l’altro questo particolare sistema consente di accumulare energia per poi utilizzarla al momento opportuno, oppure di reimmetterla sul mercato e ottenere così interessanti agevolazioni fiscali.

Pompe di calore ACS

Le pompe di calore ACS (acqua calda sanitaria) sono soluzioni tecnologicamente molto avanzate in grado di riscaldare, raffrescare e produrre acqua calda sanitaria utilizzando esclusivamente fonti di energia rinnovabile. A seconda della fonte rinnovabile impiegata per produrre acqua calda, si possono individuare i seguenti modelli:

  • pompa di calore aria-acqua;
  • pompa di calore aria-aria;
  • pompa di calore geotermica;
  • pompa di calore acqua-acqua.

In commercio esiste poi un’ulteriore pompa di calore destinata esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria, cioè lo scaldacqua in pompa di calore, chiamata anche pompa di calore per acqua calda sanitaria. Questo modello può essere usato in abbinamento ad un generatore di calore già esistente, come una caldaia a condensazione, oppure ad altre soluzioni per il riscaldamento per migliorare ulteriormente le prestazioni a livello energetico e ridurre significativamente l’impatto ambientale.

La pompa di calore ACS funziona esattamente come una pompa di calore classica, con la differenza che invece di utilizzare energia elettrica sfrutta un’energia rinnovabile. Ecco perché molte persone stanno virando su questa soluzione eco-friendly che riduce il costo delle bollette energetiche che gravano in modo molto più contenuto sul budget familiare. Le pompe spesso vengono usate in combinazione con un sistema solare termico, che contribuisce alla produzione di acqua calda riducendo i tempi di produzione e gli stessi costi in bolletta.

Stufe a pellet

Stufe a pellet

Per quanto riguarda il riscaldamento della casa, tra le soluzioni più gettonate degli ultimi tempi ci sono le stufe a pellet che assicurano un notevole riscaldamento degli ambienti a costi contenuti e con un basso impatto ambientale.

La stufa a pellet per produrre calore sfrutta appunto il pellet, una biomassa che si ricava dal legno finemente lavorata e poi compattata in piccoli pezzetti a forma di cilindro. Non è necessario abbattere alberi per produrre pellet, che risulta quindi un combustibile ecologico e naturale che non sporca e non inquina.

La stufa a pellet è composta da alcune componenti elettriche, quindi va collegata alla corrente per far circolare l’aria. A differenza delle stufe a resistenza però la corrente non viene usata per generare calore, perché il combustile della stufa è rappresentato dal pellet stesso. Il consumo energetico risulta quindi molto limitato e contenuto.

Queste stufe funzionano con un meccanismo automatico finalizzato ad equilibrate la velocità di somministrazione del combustibile con:

  • l’apporto di aria;
  • l’espulsione dei fumi;
  • l’accensione della fiamma.

Climatizzatori ad alta efficienza energetica

Climatizzatori ad alta efficienza energetica

Ai classici climatizzatori ci sono alternative molto valide ed efficienti, oltre che ecologiche, rappresentate dai climatizzatori ad alta efficienza energetica. Questi dispositivi sono finalizzati a creare in casa un ambiente piacevole e salubre, migliorando anche la qualità del sonno e prevenendo i sintomi tipici che possono presentarsi in case eccessivamente calde come stanchezza, spossatezza e disidratazione.

I climatizzatori ad alta efficienza energetica scaldano, raffrescano e deumidificano gli ambienti a seconda delle necessità e utilizzano solo l’energia necessaria, eliminando gli sprechi a tutto beneficio del risparmio che si traduce in bollette energetiche molto più leggere. Inoltre i dispositivi di ultima generazione sono dotati di diverse funzionalità personalizzabili che consentono di creare in casa l’ambiente desiderato e di calmierare i costi.

Questi modelli raggiungono la temperatura ideale in poco tempo e la mantengono stabile, inoltre sono anche molto silenziosi favorendo il riposo. Tutto questo si traduce in una migliore qualità del sonno, così da dormire profondamente e risultare più freschi e produttivi al risveglio.

Alcuni modelli di ultima generazione sono dotati di sistemi particolari che rilasciano nell’ambiente atomi di idrogeno attivo, che neutralizzano le particelle nocive e liberano l’aria da polvere, muffe, radicali liberi, allergeni e batteri, nemici non di poco conto per i bambini, gli anziani e le persone che soffrono di patologie respiratorie.

Eolico

Tra le tante fonti di energia rinnovabili non possiamo certo dimenticare l’eolico, vale a dire il vento. Gli impianti eolici domestici si possono installare in giardino, sul tetto o anche sul balcone di casa, dal momento che esistono dispositivi di varie dimensioni e grandezze, e hanno la capacità di produrre fino a 200 kW di energia.

L’eolico si sta diffondendo rapidamente in diverse zone d’Italia anche grazie alle agevolazioni fiscali e agli incentivi, ma bisogna chiaramente valutare la forza e la disponibilità del vento nel luogo di installazione.

Per gli ambienti domestici sono disponibili gli impianti mini-eolici, che si differenziano da quelli industriali sia per le dimensioni che per il prezzo. Le tipologie di installazione possono variare a seconda della struttura architettonica e della disposizione della casa, poiché gli impianti devono essere posizionati in modo tale da sfruttare al massimo il vento a disposizione.

Geotermico

Un’altra soluzione molto gettonata è il riscaldamento geotermico. L’energia geotermica è quell’energia pulita e rinnovabile generata da fonti geologiche di calore, cioè il calore naturale della Terra che si trova nella crosta terrestre.

Benché il riscaldamento geotermico sia stato usato sin dagli inizi del ‘900, oggi è ancora poco sfruttato. Negli ultimi tempi ha iniziato a prendere piede soprattutto nei paesi del Nord Europa e negli Stati Uniti e, recentemente, si sta diffondendo anche in Italia.

Possiamo individuare due tipi di impianti geotermici: ad alta o a bassa entalpia. Gli impianti geotermici ad alta entalpia per la produzione di energia elettrica sfruttano le fonti termiche collocate in profondità; gli impianti geotermici a bassa entalpia invece usano il calore terrestre più in superficie che, tramite una pompa di calore, viene trasformato in una fonte di riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda. Entrambi i dispositivi possono essere usati per la produzione di energie negli ambienti domestici, ma bisogna considerare i fattori ambientali circostanti.

Illuminazione a LED

Illuminazione a LED

Le tradizionali lampadine e sistemi di illuminazione stanno lasciando spazio agli impianti di illuminazione a led, che assicurano una serie di vantaggi a livello pratico, di comfort, ecologico e anche estetico.

I prodotti a led assicurano una maggiore efficienza e durano di più, garantendo costi molto contenuti e la massima flessibilità di installazione.

I faretti a led, ad esempio, possono essere posizionati con soluzioni personalizzabili sotto il soffitto o sulle pareti così da creare molteplici scenografie che valorizzano gli ambienti interni.

I prodotti a led si accendono immediatamente e, poiché sono privi di radiazioni e di mercurio, hanno un bassissimo impatto ambientale e ricreano ambienti molto puliti e salubri. Esistono prodotti per l’illuminazione interna ed esterna della casa, in quanto possono essere installati tranquillamente nelle varie stanze dell’abitazione così come nei giardini, nei vialetti o nei patii assicurando un’illuminazione soffusa, delicata e dal grande impatto estetico che rispetta l’ambiente.