Bentornato su CasaLuce!
Non sei ancora un utente registrato? Registrati subito ed entra a far parte di quelli della mansarda!

Password dimenticata?

Login
Password dimenticata?
Digita qui l'indirizzo email o il tuo nome utente: ti manderemo una email con la tua nuova password.

Invia i dati
Newsletter CasaLuce

Idee, consigli aggiornamenti e suggerimenti per arredare la tua mansarda o trasformare il tuo sottotetto.

Accetto la privacy policy
Sei anche tu uno di noi? Registrati!
Tanti servizi gratuiti solo per quelli della mansarda!
7641 mansardisti ti aspettano.
Quelli della mansarda sono persone che vivono, passano del tempo per lavoro e piacere o semplicemente ne amano l'atmosfera calda e a due passi dal cielo.

Solo numeri o lettere

Almeno 6 caratteri

Registrati
Manca poco per completare la tua registrazione
Controlla la tua mail e clicca sul link contenuto al suo interno, in questo modo potremmo verificare la tua e-mail e potrai essere anche tu dei nostri!
Chiudi il riquadro e corri a controllare la tua email! »

Casa-Luce

LE PREFERITE DAGLI UTENTI

LE ULTIME FOTO

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

Stai pensando ad un acquisto o una ristrutturazione?

Iscriviti alla newsletter di Casa Luce: forniamo sempre contenuti aggiornati e idee di stile che ti potrebbero essere sempre utili.

Iscriviti alla newsletter

Trasmittanza e zone climatiche in Italia

map
Esamina

I serramenti devono rispettare determinati limiti di trasmittanza termica, definiti in funzione della zona climatica di appartenenza del Comune in cui è ubicato l’edificio oggetto dell’intervento.

Il territorio italiano è diviso in zone climatiche , in base al DPR 412 del 26/08/93.

Le zone climatiche sono 6 e vengono identificate con le lettere A, B, C, D, E, F.
Ciascuna zona è definita in base ai gradi-giorno (GG), specifici di ogni località.

I gradi-giorno di una località si calcolano come la somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell’ambiente, convenzionalmente fissata a 20°C, e la temperatura media esterna giornaliera.

Ne consegue che il numero di gradi-giorno aumenta al diminuire della temperatura esterna (generalizzando: a località fredde corrispondono valori di gradi-giorno elevati; a località calde corrispondono valori di gradi-giorno bassi).

Essendo il numero di gradi-giorno di una località dipendenti dalla temperatura media esterna giornaliera si può comprendere la ragione per cui, località anche ubicate nella stessa regione e/o nella stesso bacino di utenza provinciale, siano connotate da un numero di gradi-giorno differente.

La zona climatica A fino a 600 gradi-giorno.
La zona climatica B tra 600 e 900 gradi-giorno.
La zona climatica C tra 900 e 1.400 gradi-giorno.
La zona climatica D tra 1.400 e 2.100 gradi-giorno.
La zona climatica E tra 2.100 e 3.000 gradi-giorno.
La zona climatica F oltre 3.000 gradi-giorno.

L’allegato A del dpr412-93 indica per ogni comune d’Italia la zona climatica di appartenenza.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.