Bentornato su CasaLuce!
Non sei ancora un utente registrato? Registrati subito ed entra a far parte di quelli della mansarda!

Password dimenticata?

Login
Password dimenticata?
Digita qui l'indirizzo email o il tuo nome utente: ti manderemo una email con la tua nuova password.

Invia i dati
Newsletter CasaLuce

Idee, consigli aggiornamenti e suggerimenti per arredare la tua mansarda o trasformare il tuo sottotetto.

Accetto la privacy policy
Sei anche tu uno di noi? Registrati!
Tanti servizi gratuiti solo per quelli della mansarda!
7620 mansardisti ti aspettano.
Quelli della mansarda sono persone che vivono, passano del tempo per lavoro e piacere o semplicemente ne amano l'atmosfera calda e a due passi dal cielo.

Solo numeri o lettere

Almeno 6 caratteri

Registrati
Manca poco per completare la tua registrazione
Controlla la tua mail e clicca sul link contenuto al suo interno, in questo modo potremmo verificare la tua e-mail e potrai essere anche tu dei nostri!
Chiudi il riquadro e corri a controllare la tua email! »

Casa-Luce

LE PREFERITE DAGLI UTENTI

LE ULTIME FOTO

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

LE RUBRICHE DI CASA-LUCE

ULTIMI ARTICOLI

IMMAGINI

I TEMI CALDI

Stai pensando ad un acquisto o una ristrutturazione?

Iscriviti alla newsletter di Casa Luce: forniamo sempre contenuti aggiornati e idee di stile che ti potrebbero essere sempre utili.

Iscriviti alla newsletter

Leggi regionali per il recupero del sottotetto

lavoro
Esamina

A T T E N Z I O N E ! Questo post ha più di sei mesi. Le informazioni contenute potrebbero non essere aggiornate.

Recuperare il sottotetto è un’ottima soluzione per riqualificare un edificio e guadagnare spazio abitabile.

Alcune regioni hanno emesso normative in merito, con lo scopo di limitare l’eccessiva espansione delle città e ovviare alla mancanza d nuovi spazi edificabili nei centri abitati.

Di seguito l’elenco delle regioni che hanno emesso specifiche norme sul recupero dei sottotetti.

Per ogni regione sono disponibili le leggi e le normative di riferimento, con le tabelle riassuntive che indicano le altezze minime e medie da rispettare e le superficie aeroilluminante necessaria.

EDIFICI RESIDENZIALI – ALTEZZE E RAPPORTI AEROILLUMINANTI – TABELLA RIASSUNTIVA

LEGGE REGIONALE N. 4 DEL 16 APRILE 2003 – REGIONE SICILIA

Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.00 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.50 m 2.00 m 1/8 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.00 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.50 m 2.00 m 1/8 della superficie calpestabile

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 16-04-2002 – REGIONE CALABRIA

Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.20 m 1/15 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.50 m 2.20 m 1/15 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.00 m 1/15 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.50 m 2.00 m 1/15 della superficie calpestabile

 

Legge regionale n. 21 del 6 agosto 1998 – REGIONE PIEMONTE
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.60 m 2.40 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.40 m 2.20 m 1/8 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.40 m 2.20 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.20 m 2.00 m 1/8 della superficie calpestabile

 

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 6 APRILE 1998 – REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.80 m 2.40 m 1/16 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.80 m 2.20 m 1/16 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.80 m 2.20 m 1/16 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.80 m 2.20 m 1/16 della superficie calpestabile

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 6 APRILE 1999 – REGIONE VENETO
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.80 m 2.40 m 1/16 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.80 m 2.20 m 1/16 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.60 m 2.20 m 1/16 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.60 m 2.20 m 1/16 della superficie calpestabile

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 28 NOVEMBRE 2000 – REGIONE CAMPANIA
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.40 m 2.40 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.40 m 2.40 m 1/8 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.40 m 2.20 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.40 m 2.20 m 1/8 della superficie calpestabile

 

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 4 GENNAIO 2002 – REGIONE BASILICATA
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.40 m 2.40 m 1/10 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.40 m 2.40 m 1/10 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.40 m 2.40 m 1/10 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.40 m 2.40 m 1/10 della superficie calpestabile

 

 

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 15 LUGLIO 1996 – REGIONE LOMBARDIA
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.40 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.50 m 2.40 m 1/8 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.10 m 1/8 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.50 m 2.10 m 1/8 della superficie calpestabile

Al fine di ottenere l’altezza media richiesta dalla L.R. è possibile modificare l’altezza delle linee di colmo e di gronda della copertura.

 

LEGGE REGIONALE 6 AGOSTO 2001 N° 24 – REGIONE LIGURIA
Link

Altezza minima Altezza media Superficie aeroilluminante
VOLUMI ABITABILI 1.50 m 2.30 m 1/16 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.30 m 2.10 m 1/16 della superficie calpestabile
LOC. MONTANE VOLUMI ABITABILI 1.30 m 2.10 m 1/16 della superficie calpestabile
VOLUMI ACCESSORI 1.10 m 2.00 m 1/16 della superficie calpestabile

Al fine di ottenere l’altezza media richiesta dalla L.R. è possibile modificare l’altezza delle linee di colmo e di gronda della copertura.

Commenti

  1. la_redazione_di_casa-luce.it

    gentile Gufastufa, i requisiti di abitabilità possono variare da Comune a Comune. In linea di massima viene richiesto di rispettare l’altezza media ponderale nella porzione di tetto abitabile. Tutto quello che non è abitabile o è sotto 1.5m deve essere chiuso con pareti o armadi. Questo in linea di massima, perchè alcuni Comuni accettano che rimanga aperto, ma vogliono che sui disegni venga indicata la porzione abitabile con un tratteggio. Ti consigliamo quindi di rivolgerti all’ufficio preposto del tuo Comune per verificare la normativa prima di procedere all’acquisto o al versamento di qualsiasi caparra.

  2. archi

    posso applicare la legge a un immobile in liguria che alla data di entrata in vigore della legge aveva concessione edilizia ma non era ancora stata dato l’inizio lavori?
    Ringrazio e saluto

    (segue stralcio della legge)
    1.

    Negli edifici esistenti alla data di entrata in vigore della presente legge ed aventi destinazione residenziale ovvero turistico-ricettiva sono consentiti, previo rilascio di diretto titolo edilizio ed in deroga alla disciplina stabilita dalla strumentazione urbanistica comunale vigente od in corso di formazione, gli interventi di recupero dei sottotetti nel rispetto delle disposizioni di seguito stabilite.

    2.

    La disposizione di cui al comma 1, è applicabile nei confronti degli interventi edilizi in corso di realizzazione sulla base di titoli edilizi rilasciati prima della data di entrata in vigore della presente legge”
    , previo conseguimento di apposita variante al rispettivo titolo edilizio.

  3. la_redazione_di_casa-luce.it

    Gentile Archi, se hai già ottenuto la concessione edilizia prima dell’entrata in vigore della legge sarà sufficiente integrare la pratica con una variante al permesso di costruire da cui si possa evincere che l’intervento ha le caratteristiche per essere considerato recupero di sottotetto.

  4. andreacapone

    Salve a tutti abito a Catanzaro in un ultimo piano confinante con un sottotetto non abitabile perchè basso, come posso fare per fare una mansarda abitabile a chi mi devo rivolgere visto che devo costruire ed alzare un pochino? Siccome devo cambiare il tetto volevo fare sia una cosa sia un’altra.

  5. mariacatena

    Salve a tutti sono Mariacatena ed ho un grosso dubbio…sapete se posso usufruire della normativa stabilita dalla legge regionale n.4 del 2003, ovvero per il recupero sottotetti, anche se il mio appartamento si trova al centro storico? L’altezza del sottotetto è nella parte più alta di 2.30 m. e nella parte più bassa di 0,80 cm,e vorrei adibirlo per uso abitativo.
    Il mio appartamento è a Barrafranca, provincia di Enna, Ovvero in Sicilia.
    Grazie mille!

  6. paolobbi

    Volevo aggiungere una osservazione e fare contestualmente una domanda in merito all’argomento:
    al di là della fattibilità e della presenza dei parametri ai sensi della L.R. per ottenere l’agibilità di una soffitta in mansarda abitabile, ma chi abita al piano di sotto della potenziale trasformazione da soffitta a mansarda abitabile, ha voce in capitolo.
    Ovvero, chi ha acquistato un ultimo piano sapendo di essere l’ultimo, ed ha anche pagato in relazione all’altezza, oltre che pagare di piu’ in termini di quote millesimali ecc, deve sopportare chi dopo l’ottenimento dell’agibilità gli passeggi sulla testa? Supponiamo che l’inqulino di un piano intermedio, proprietario di una soffitta, si adoperi per renderla autonoma ed abitabile portando su utenze (acqua, gas, ecc.) e regalare ai figli una stanza in cui studiare. Quali decisioni devono passare attraverso l’assemblea dei condomini? E quali percentuali occorrono per deliberare la fattibilità di tali interventi che andranno naturalmente a revisionare le tabelle millesimali? Inoltre, e torno al punto di partenza, il condomino che suo malgrado si trova sotto la “nuova” unità immobiliare dovra’ sopportare e sottostare alla decisione dell’assemblea? Oppure occorrendo per tutto questo l’unanimità avrà da giocare il suo asso nella manica?
    Grazie

  7. la_redazione_di_casa-luce.it

    Gentile Paolobbi,
    se esistono tutti i requisiti di proprietà e si segue tutta la prassi per rendere abitabile il sottotetto in conformità alla normativa edilizia vigente, ci risulta che non sia necessario il parere condominiale.
    Competerà all’amministratore condominiale il riaggiornamento delle particelle millesimali in funzione delle singole proprietà.

  8. angelaperna

    Salve!!!!abito in Campania, in un appartamento di circa 100 mq, molto luminoso con annesso un sottotetto che in fase di costruzione dell’edificio abbiamo rifinito con pavimenti e divisioni, abbiamo ricavato 3 stanze molto ampie e un bagno, tutte con dei punti luce. Vorremmo metterci in regola con la vigente normativa, ma non sappiamo se abbiamo i requisiti giusti. Le misure sono 2,75 mt altezza centrale, 0,83 mt e 1,25 mt le laterali. da premettere però che l’altezza centrale reale è di 1,75 mt poichè vi è il passaggio di una trave portante. le porte che ci sono sono di altezza e larghezza normale.Posizionando degli armadi a muro nelle altezze laterali cambia qualcosa???Dobbiamo solo tenerlo come sottotetto ben rifinito o possiamo comunque adeguarci alla normativa? grazie per la cortese attenzione!!!! Angela

  9. michelle63

    Abito a cagliari centro storico vorrei conoscere le normative in quanto ho difficoltà nel reperirle.
    grazie

  10. la_redazione_di_casa-luce.it

    gentile Angela, in data 28/11/2000 (con successiva modifica 28/11/2001) è stata approvata la legge regionale n.15 – Regione Campania – Norme per il recupero abitativo di sottotetti esistenti.
    La legge permette il recupero dei sottotetti in deroga al precedente decreto (decreto M.S. 05/07/1975) in presenza di un’altezza media di m.2,40 purché si tratti di sottotetti esistenti alla data di approvazione della suddetta legge. In ogni caso, non conoscendo il tuo comune di residenza, ti consigliamo di rivolgerti proprio all’Ufficio Tecnico del tuo Comune per verificare eventuali deroghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.